Personalità e continuità di un etichetta

L’atmosfera da pandemia non aiuta, ma mi ha ispirato a raccontare questa storia perché durante i mesi di chiusura si è tornati a pensare sul modo in cui ci riforniamo le dispense e il frigo.

Abbiamo tutti avuto la tentazione di rifornirci il più a lungo possibile per non uscire e rischiare di contagiarci e da poco ho iniziato a creare il mio piccolo orto familiare, perciò ho ben chiaro che le cose che non spuntano da terra devo andare a comprarle al supermercato. Sicuramente lì trovo il necessario e anche di più, ma se sono attenta alla stagionalità dei prodotti capisco subito che in inverno la terra non produce e i nostri nonni e avi, hanno dovuto ingegnarsi a fare durare i prodotti il più a lungo possibile. Questa necessità ha dato vita alle fermentazioni, di verdure e in qualche raro caso di frutti, che consente la conservazione nel tempo.

Quando un’azienda ha bisogno di differenziarsi

Per questo progetto mi sono davvero divertita ad andare in giro per supermercati a fotografare etichette per coglierne le differenze e studiarne le forme, i titoli, i colori. Ciò che succede e che vediamo sopra gli scaffali è vedere tantissime fotografie di prodotti stupendi, tirati a lucido quanto lo sono le immagini dei panini del McDonalds. Guarda questo video in cui si vede che shooting c’è dietro ad un panino.

Crauti, asparagi, succhi, mousse di mela – alcuni dei prodotti dell’azienda agricola Baldo Emanuele

Emanuele e Stefania volevano un etichetta diversa. Ma diverso cosa vuol dire? Diversa da ciò che si vede al supermercato. La volontà era metterci tanto cuore e artigianalità. Scavando nella loro metodo di lavoro ho voluto cogliere il gesto, semplice e famigliare che facciamo mentre stiamo per prendere un boccone e gustarcelo. Il raccolto che è il loro mestiere diventa il ciò che noi raccogliamo dalla tavola.

Abbiamo lavorato su una carta con un punto di bianco non troppo splendente perché potesse scaldare assieme al carattere LunchBox (designed by Kimmy Kirkwood) che rafforza l’artigianalità con un tratto che ricorda quello fatto a mano senza essere troppo cupa o marcata.

Crauti, asparagi, succhi, mousse di mela – alcuni dei prodotti dell’azienda agricola Baldo Emanuele

L’accento viene fatto sulle scelte dei colori, molto Pop, pensato per far diventare questa una linea di prodotti freschi e genuini, che rispecchino il contenuto del vasetto e lo risaltino.

Il risultato mi fa brillare gli occhi. L’obiettivo era allontanarsi dal prodotto commerciale e creare una linea come se fosse una collana di libri. Io me li immagino belli precisi su uno scaffale.

Brand identity per azienda agricola

La famiglia dei prodotti si è fatta numerosa e ricca: crauti, passata di pomodoro, confetture extra di lamponi e prugna, crema di asparagi e asparagi verdi infine un buonissimo nettare di mirtillo.

Scelte e considerazioni

  • Essere lungimiranti aiuta – anche un po’ sognatori – perché avere un quadro più ampio possibile delle tipologie di prodotti serve per costruire un immagine il più completa possibile. Per esempio la passata di pomodoro è arrivata alla fine e lo stile con mano e pentolino non rientrava nelle illustrazioni iniziali e appesantiva troppo l’etichetta su bottiglia.
  • Dopo la prima stampa, abbiamo deciso di lasciare la possibilità di scrivere la data di scadenza del prodotto a mano sul sigillo di garanzia.
  • La scelta della carta non è da sottovalutare. Sempre meglio conoscere l’azienda e andare a toccare con mano, anche chiedendo una prova di stampa. Il confronto con un tecnico è stato prezioso: ci ha permesso di scegliere una carta con un trattamento speciale, senza doverle plastificare, che permetta al prodotto di stare in frigo e bagnarsi con la condensa senza macchiare l’etichetta.

Curiosità

Dalle nonne so che purtroppo è un termine dispregiativo che usavano inglesi e americani per chiamare i tedeschi. Spero che il termine non vi faccia venire la pelle d’oca ma solo l’acquolina. Io vi consiglio di mangiarli con la polenta ed un buon misto di fughi, o in un panino croccante.

Photo by Jonathan Pielmayer on Unsplash

Palette colore:

Cliente:

Caratteri tipografici:
Lunch Box
Fira Sans

Grazie per essere arrivato fin qui!

Ho deciso di fare un esercizio di scrittura che è utile a me e può esserlo anche per chi è interessato ad approfondire gli aspetti tecnici del mestiere del grafico. Puoi andare a leggerne altri oppure scoprire i miei servizi.