Perché ho scelto di realizzare siti in WordPress?

I mezzi con cui ho scelto di lavorare sono spesso un incastro di fattori.

L’esperienza che mi fa adesso padroneggiare bene questo mezzo resta un fatto determinante per permettermi di essere veloce ed esigente. Mi piace sapere bene come funzionano le cose per realizzare al meglio i miei progetti e per delegare in modo puntuale ad altri professionisti senza lasciare che la creatività super la linea del fattibile.

L’incastro perfetto per me è WordPress. Un sistema che i clienti sanno utilizzare e che vogliono continuare a padroneggiare. Nello stesso tempo è un ottimo tavolo di lavoro che mi offre gli strumenti necessari per plasmarlo sulle mie idee.

In breve ciò che continua a piacermi di WP:

  • semplicità di utilizzo per i clienti, che non mi piace tenere al guinzaglio o vincolarli ad un contratto forever and ever
  • è più intuitivo per me e che mi dava l’opportunità di non appoggiarmi ad un informatico/programmatore (soprattutto all’inizio della mia p.iva)
  • lo utilizza 34% di tutti i siti Web su Internet (fonte: “Statistiche e Fatti Pazzi e Interessanti su WordPress (2020)”)
  • è in costante evoluzione, essendo utilizzato da così tante persone ed aziende al mondo, migliora quotidianamente
  • una mentalità “open source” – dove ognuno arricchisce il software senza esserne davvero il sovrano
  • gli infiniti (52.000) plugin per estendere le funzionalità del proprio sito e trasformarlo a seconda delle proprie esigenze

La cosa che mi sento chiedere spesso è se posso progettare un nuovo sito in WordPress o se posso fare un restyling di un sito esistente. Per questo mi piace continuare ad offrire questo servizio, sia di costruzione che di consulenza.

Durante questi 7 anni di attività ho visto svariati sistemi: Magento, Joomla, Shopify, alcuni CMS proprietari, Wix 🙈.
Non mi dispiace cambiare o testare nuovi sistemi ma per me resta il compromesso più valido per rendere felici i miei clienti.

Cambierei se trovassi qualcosa di molto più valido che per il momento non ho trovato.

Ho iniziato scegliendo con cura e attenzione un template da cui partire, dove sfruttavo il codice esistente andando a modificare solo le parti che mi interessavano, adattando il css per cambiare colori e forma ai layout.

Il passaggio tra carta e web è innaturale, spesso ciò che funziona online su carta fa schifo e viceversa, perché la carta è fissa e immutabile una volta stampata mentre il web è in continuo cambiamento come un ruscello che viene sempre rabboccato e non può fermarsi.

Quando ho iniziato a lavorare si iniziava a parlare di CMS che facilitavano il grafico a progettare i siti, ma da allora c’è stato un salto epocale che corrisponde ad un selvaggio stallone da domare.

Immagine copertina del film: Rock My Heart (Netflix)

Non penso ci sia una scelta giusta o sbagliata a prescindere

Consiglio sempre di fare una valutazione di volta in volta assieme al vostro web designer, parlando chiaramente di cosa ci si aspetta di ottenere dal proprio sito dal lancio a 2 anni almeno di distanza. La pianificazione serve per progettare qualcosa che funzioni davvero per lungo tempo senza bisogno di rimettere mano alla scatola del vostro sito ogni sei mesi.

WordPress ha moltissimo potenziale e bisogna saperlo configurare al meglio per ottenere ottimi risultati. In alcuni casi è anche una bella palestra per ha pochi 💰 ma tanto tempo a disposizione da investire e vuole provare da solo magari solo con qualche consulenza per raggiungere ciò che desidera.

Grandi aziende hanno scelto WordPress

Ci tengo molto a dirvi che una di queste è la Walt Disney Company ma c’è anche Wired. Non è un CMS per blogger, anche se è una risorsa gratuita, può raggiungere vette alte e molto valide.

Grazie per essere arrivato fin qui!

Ho deciso di fare un esercizio di scrittura che è utile a me e può esserlo anche per chi è interessato ad approfondire gli aspetti tecnici del mestiere del grafico. Puoi andare a leggerne altri oppure scoprire i miei servizi.